Belly Boat - Pescatori Laziali

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Belly Boat

Attrezzatura

Per belly boat si intende una tipologia di mini imbarcazione che contiene un sistema di camere d’aria,dove il pescatore si siede per pescare,utilizzando una coppia di pinne per potersi spostare.
Nato dall’esigenza di entrare in pesca là dove non arrivando da terra si poteva arrivare soltanto in barca,ma non sempre consentito l’utilizzo di quest’ultima e anche la problematica dell’acquisto non alla portata di tutti a fatto si che qualche pescatore si invento si utilizzare la camera d’aria di un mezzo pesante come una ciambella che imbragata con della tela potesse consentire di muoversi in acqua.


Da quei giorni ad oggi il belly boat si è molto evoluto,inizialmente il primo modello fù il Round shape,dalla forma rotonda(ripresa appunto dalla camera d’aria)nella quale si infilava il pescatore che veniva sorretto da un’imbragatura in tela,la seduta rimaneva molto bassa e questo consentiva una sessione di pesca molto scomoda,anche gli stessi spostamenti non erano facili,
la seconda evoluzione della ciambella fù il modello U shape,che si differenzia dal round shape perché rimane aperto sul frontale,questo consente maggiore facilità di salita e discesa dal belly,e un più facile movimento in acqua,
ultima evoluzione del belly è il modello V shape,dalla tipica forma a V,ritenuto il miglior modello,in quanto possiede quasi sempre più camere d’aria e ciò dà una miglior sicurezza in acqua,dalla forma affusolata ed idrodinamica e l’estremità a punta rialzata dà meno resistenza e consente un facile e veloce movimento.



questi sono i modelli più conosciuti ed utilizzati,ce ne sono anche altri,ma tutti di minor impiego.
Altra differenza tra belly e belly è la seduta,le più diffuse sono quelle gonfiabili che consentono di decidere se tenerla più o meno gonfia e occupano meno spazio durante il trasporto e le sedute in Foam,materiale spugnoso galleggiante che oltre ad essere molto sicuro è anche molto comodo e rimane ben rigido e saldo,
Oltre alla forma,ci sono anche altre caratteristiche che differenziano un belly da un altro,tra queste i materiali di costruzione,spesso utilizzata la cordura,e la sua resistenza viene misurata in denari,che identifica il peso espresso in grammi di 9000 m di filato,a parità di tessuto,un belly 800 denari sarà più resistente di un 600 denari,
in belly di miglior qualità la parte inferiore e ricoperta da uno strato di pvc,che oltre a proteggere ulteriormente la ciambella,consente un mioglior scivolamento sull'acqua.



All'interno del boat vi è la camera d'aria impermeabile,singola o più,costruita in materiale plastico,quale pvc,vinile e uretano,succede spesso che vengano forate durante il passaggio su rami o rocce,per la riparazione esistono kit simili alle toppe per riparare le camere d'aria delle biciclette,su di esse le valvole di gonfiaggio,la più semplice ed utilizzata è la famosa Boston,spesso usata anche su canotti e materassini,che consente un rapido gonfiaggio e sgonfiaggio,garantendo buona tenuta ed un facile utilizzo.
Esistono vari marchi e modelli di Belly boat,dai più disparati prezzi,in media un buon modello viene a costare tra i 200 e i 300 euro,qui posso soltanto consigliare di prendere per valida la regola di "chi più spende,meno spende",questo perchè in rete si trovano tantissimi modelli anche sotto le 100euro,ma dubbia rimane la loro affidabilità,mentre si può andare sul sicuro acquistando un testatissimo Fish cat 4,tra questi si potrà benissimo notare la grande differenza nei materilali di produzione,nelle rifiniture e nelle cuciture.
Ogni modello,di qualunque marca sia,possiede delle tasche laterali portaccessori,di più o meno ampia grandezza,consentono di portare con se molti plani conteneti esche e molto altro,alcuni belly sono dotati di fascette portacanne,ma in genere questi sonoi accessori che vanno autocostruiti ed in rete si trovano anche moltissime di queste costruzioni in vendita.




Consigliatissimo durante il suo utilizzo il giubbino salvagente,questo per questioni di sicurezza,poi basta un paio di waders almeno fino ai fianchi e delle pinne per potersi gettare in acqua ed iniziare una sessione di pesca.
Una volta tornati a casa,sarebbe buona regola la pulizia con semplice acqua per rimuovere lo sporco che andrebbe ad incrostarsi e a lungo andare a rovinare il tessuto,poi una volta asciutto andrebbe sgonfiato e tenuto all'80% della sua grandezza,evitando quindi di sgonfiarlo,questo perchè pur non tenendolo sotto costante pressione,si evitano pieghe nei tessuti,in caso non si possa tenere gonfio,lo si sgonfia completamente,si estraggono le camere d'aria e vanno ben asciugate con un panno e poi va passato del talco sulle cuciture interne in modo da assorbire l'umidità in eccesso e prevenire lo sfregamento dei tessuti,tutto andrebbe poi riposto in ambiente asciutto e lontano dalla luce diretta.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu