Release - Pescatori Laziali

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Release

Come rilasciare i pesci in modo corretto ("Catch & Release"):

In questo articolo esponiamo delle linee guida su come rilasciare correttamente i pesci nel loro ambiente.

Partiamo dicendo che il corretto rilascio dei pesci comincia già prima di prenderli,per esempio usando ami singoli senza ardiglione o schiacciando gli ardiglioni,o ancora montando il cavetto terminale per i lucci,o anche ricordando di portare il materassino per slamatura. E soprattutto non pescando in periodo di riproduzione perché altrimenti è inutile anche praticare il rilascio.


Le regole principali:

-Il pesce deve essere rilasciato nel miglior modo possibile e nel minor tempo possibile

-Bagnare le mani prima di prendere il pesce per evitare scottature o danni al muco

-Non usare stracci per prendere il pesce per non asportare il muco e causare infezioni

-Evitare di poggiare il pesce a terra specialmente su terra,sassi,rami o foglie secche sempre per non danneggiare il muco protettivo. Se proprio inevitabile meglio poggiarlo sull'erba umida

-Evitare di tenere troppo il pesce fuori dall'acqua. Quindi velocizzare i tempi di slamatura e foto di rito (basta una sola foto bella come ricordo)

-Al momento del rilascio il pesce va reimmesso in acqua dolcemente e non lanciandolo

-Evitare di stringere troppo forte il pesce per non danneggiare organi

-Nel caso in cui il pesce mangi profondo manovrare con cura con slamatori o pinze per non causare ferite mortali. Nel caso in cui si pesca con esca naturale e il pesce ha ingoiato veramente troppo da rendere impossibile una slamatura non dannosa,meglio tagliare il filo che stare lì a maneggiare a lungo con gli slamatori

-Evitare l'uso di boga grip per non danneggiare la bocca dei pesci

-Evitare di tenere i pesci a lungo in posizione verticale senza sostenerli,specialmente se di buona taglia,per evitare di far gravare tutto il peso del pesce sulla bocca

-Per quanto mi riguarda meglio evitare perdite di tempo tipo misurazione con metro o bilance,se un pesce è bello si vede e non serve nessuna misurazione

-Se non necessario evitare l'uso delle nasse in quanto causa di forte stress per i pesci che si trovano a dover sostare a lungo in spazi piccoli e sovraffollati

-Per limitare i danni all'apparato boccale usare ami barbless (senza ardiglione) e nel caso si peschi con gli artificiali preferire l'uso di ami singoli o comunque schiacciare gli ardiglioni con una pinza nel caso presenti (soprattutto per evitare l'effetto "bocca cucita" con le ancorette)

-Non usare monofili sottodimensionati (tipo 0,20 a lucci) per evitare di prolungare eccessivamente il combattimento e causare così eccessivo stress al pesce o al peggio la morte per sfinimento

-Utilizzare un terminale adatto nel caso in cui andiamo a pescare pesci con forte dentatura (come i lucci) quindi un terminale provvisto di cavetto d'acciaio o terminale di fluorocarbon da 0,80. In questo modo evitiamo di lasciare artificiali in bocca ai pesci e anche di veder andar persa l'occasione di portare a riva un bel pesce.

-Nel caso di pesci dalla mole importante (tipo grosse carpe) munirsi di materassino di slamatura da bagnare prima di adagiarci il pesce

 
Torna ai contenuti | Torna al menu